Giorno 173: QUALE PARTE DI EYJAFJALLAYÖKULL NON TI È CHIARA? 5 di 10

Giorno 6

Dopo una lunga e meritata dormita ci avviamo con calma verso la nostra prossima meta: Borgarfjörður Eystri, dove presumibilmente vedremo le pulcinelle di mare. La pioggia oggi purtroppo ci accompagnerà sempre, quindi non farò molte foto. Ci dirigiamo verso la prima tappa del viaggio, la cascata con la portata maggiore d'Islanda: Dettifoss.

_MG_5231.jpg

Il posto è reso ancora più drammatico dal meteo, il colore della cascata è sul marrone scuro, il rumore forte e allo stesso tempo cupo. Alza una copiosa quantità di acqua (che scopro  in seguito essere mista a cenere vulcanica) e per fare una foto mi lavo completamente, a causa dei continui cambi di direzione del vento. Riprendiamo il cammino per vedere la cascata che precede quella appena descritta, ma infreddolito e un po' preoccupato per l'attrezzatura non faccio foto. Dopo ore di auto dove veniamo deliziati da paesaggi lunari e alieni, sempre in compagnia della pioggia. 

_MG_5228.jpg

Arriviamo alla destinazione finale, lasciamo velocemente le valigie in albergo e ci mettiamo alla ricerca dei simpatici pennuti, purtroppo senza successo. Ci riproveremo domani mattina. 

Giorno 7

La sveglia suona presto rispetto al solito, è forse l'ultima occasione che ci resta per vedere le pulcinelle di mare. Ci vestiamo in fretta e facciamo una colazione leggera, dopodiché ci mettiamo in auto. Il tragitto è piuttosto corto, la mia tensione è alta: siamo in questo paese sperduto fra i fiordi islandesi unicamente per questo momento. L'insuccesso della sera precedente mi ha un po' scoraggiato e non preparo subito la reflex. Parcheggiamo nel porticciolo adiacente, e vedo una figura familiare, con le sue zampette da papera e le ali che sbattono velocemente. Sono loro.

_MG_5368.jpg

Preparo la reflex, scendo dall'auto e salgo la scalinata che porta sulla scogliera. Sono nella piccola baia di fronte, una trentina. D'un tratto ne sbuca una da una tana. Il simpatico volatile è alto circa 35-40 centimetri, bianco e nero con un becco grosso e colorato. Alzo la reflex e faccio una raffica di una trentina di foto. La pulcinella spicca il volo e la tensione si scioglie, esultiamo per essere riusciti in uno degli obbiettivi del viaggio. Nella mezz'ora successiva le pulcinelle di mare si alternano spesso e faccio un sacco di foto. Soddisfatti, torniamo in albergo per fare le valigie e continuare il nostro giro dell'Islanda, oggi inizieremo l'esplorazione dei fiordi orientali.

_MG_5420.jpg

Il tragitto è facile, con una bella strada e delle curve fantastiche, i piccoli paesi che attraversiamo non sono granché, fatta eccezione per Seyðisfjörður dove troviamo una chiesa turchese, una strada colorata e un negozio ricoperto interamente di murales.

_MG_5398.jpg

Nel tornare indietro da questo paesello ci fermiamo per ammirare una delle tante cascate islandesi, Gufufoss.

_MG_5412.jpg

Riprendiamo la strada passando da un fiordo all'altro, la nostra guida ci segnala un posto interessante, ma una volta fermati, non riusciamo a trovarlo. Probabilmente dovremmo fare un po' di trekking. Mentre camminiamo non ci accorgiamo che siamo proprio sopra un campo di mirtilli selvatici. Durante il tragitto ci fermiamo per una squisita fetta di torta, per arrivare poi all'ultimo gruppetto di case della giornata. La vista dal porto è spettacolare, per cui ci fermiamo per fare una foto.

_MG_5423.jpg

Cerchiamo un posto per cenare in questo paese, ma con scarso successo, per cui torniamo dove abbiamo fatto merenda. L'unico piatto disponibile era la zuppa di asparagi e broccoli, e chi mi conosce bene, sa cosa ne penso. Arriviamo a destinazione e scarichiamo le valigie. La sera è prevista l'aurora boreale, purtroppo però le moltissime nuvole che coprono il cielo non ci aiutano per niente.

_MG_5434.jpg

 

Domani continueremo l'esplorazione dei fiordi orientali, per arrivare in serata all'inizio della costa sud.

Il viaggio ci porterà a percorrere oltre tremila chilometri in auto e più di cento a piedi. Per non perdervi nemmeno una foto seguitemi su Facebooked Instagram, ricordo inoltre che se vi piace qualche foto potete contattarmi per averne una copia stampata!