Giorno 17: Prima e dopo: dalla macchina fotografica alla stampa, secondo episodio.

Tecnica di scatto:

La tecnica di scatto è molto semplice: una volta trovata l'inquadratura giusta, si piazza il cavalletto con la macchina fotografica, e la si imposta con il tempo di esposizione (Tempo necessario alla macchina fotografica per registrare una fotografia. Viene calcolato in base all'apertura, e la sensibilità ISO.) più lungo possibile. Questo si può ottenere molto facilmente chiudendo il diafframma (si tratta di quanta luce entra nella macchina fotografica attraverso l’obiettivo. La quantità di luce che colpisce il sensore o la pellicola viene indicata con un numero detto “f/stop”, ad esempio, se dico f/2.8 (o numero minore) sto dicendo che la luce che entra nella fotocamera è tanta, quindi per evitare di avere una foto completamente bianca (bruciata) devo far passare questa quantità di luce per poco o pochissimo tempo per ottenere una foto con i colori e la luminosità corretti. Se invece dico f/22 sto dicendo l’esatto opposto, quindi siccome di luce ne entra poca dovrò farla passare per un tempo maggiore per ottenere lo stesso risultato.) oppure con dei filtri a densità neutra, che sostanzialmente sono dei vetri che impediscono alla luce di entrare, allungando così il tempo di scatto. Una volta impostata la macchina, si fa scattare con l'autoscatto.

Elaborazione con Adobe Lightroom:

Una volta arrivato a casa ho ritoccato la foto con Adobe Lightroom, ho scurito le luci (la zona più chiara della foto) e schiarito le ombre (la zona più scura), tramite i comandi recupero e luce di schiarita; poi con la funzione pennello, ho selezionato la modalità scherma (che schiarisce parte della foto) per dare più dettagli nella zona scura. Ho alzato la vividezza e la saturazione del 15% ed ho poi innazato tramite lo strumento specifico la saturazione dei colori più intensi, come l'arancione ed il blu/azzurro, aumentandoli di un altro 20-35%; ho poi regolato la temperatura colore(la definizione la scriverò questa sera) Ho poi corretto l'aberrazione cromatica e la vignettatura dell'obiettivo in modo da avere un'illuminazione uniforme e i contorni degli oggetti periferici per far sì che non avessero il caratteristico contorno rosso/verde. Ho infine aumentato leggermente la nitidezza e diminuito il rumore con gli appositi strumenti.

Siccome non c'era niente da togliere, o da modificare in maniera selettiva, il passaggio a Photoshop non è stato necessario, quindi è pronta per la stampa e la pubblicazione sui vari canali.

Se volete, potete commentare anche sulla mia pagina di Facebook, visitare il mio Sito oppure commentare e criticare le mie foto su Flickr.